Crea sito

Pianeta Dei Pazzi: riepilogo del mese di Aprile 2021.

Ragazzi, difficile stare dietro a tutte le notizie, probabilmente la Fine Dei Tempi di avvicina, ma per il momento il Destino Cinico e Baro è attivissimo e ci delizia ogni momento con sempre nuove trovate.

Eccovene alcuni esempi.

Tutto a Posto alle Poste.

Perfida Albione, Aprile 2021. Arriva alla ribalta il caso Horizon, dopo anni di tentennamenti del servizio postale inglese. Pare che, a causa di un difetto del software i conteggi sbagliati abbiano portato alla galera parecchi dipendenti postali negli ultimi anni. Nulla si sa , invece dei correntisti e dei clienti. Un altro meraviglioso esempio dei benefici della lotta al contante.

LINK1 LINK2

OPS!

Il simpatico nuovo amico che vediamo in foto è Michael Carpenter . Senior Director del J. Biden Center for Global Engagement presso l’Università della Pennsylvania. È stato vice segretario aggiunto alla difesa per Russia, Ucraina ed Eurasia e consigliere per la politica estera del vicepresidente Joe Biden, nonché direttore per la Russia presso il Consiglio di sicurezza nazionale. Lavora presso l’Atlantic Council e la Jamestown University Foundation. Funzionario del personale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Secondo i servizi russi è il collegamento tra i golpisti che volevano uccidere il presidente bielorusso e i servizi segreti americani. Pare che uno dei golpisti, in realtà un agente segreto russo abbia filmato dei video che sarebbero per lui leggermente compromettenti. Aspettiamo trepidanti i prossimi sviluppi. Immagino che sia possibile tracciare una linea che collega questo simpatico signore al vecchietto che finge di essere il presidente degli Stati uniti. Ma forse mi sbaglio 🙂

La droga fa male.

Un problema molto sentito nel mondo politico italiano è l’abuso di stupefacenti: non riesco a spiegarmi altrimenti alcune cose che ho visto le scorse settimane.

Un esempio classico è la nipote di Mussolini che si erge a paladina dei diritti degli omosessuali.

Ma non solo, la posizione sui vaccini di Salvini, per esempio è emblematica “vaccino si , no, forse , obbligatorio con scappellamento a destra, ma solo di giovedì ecc”. Ma non è solo lui, il problema.

Ma forse la sola droga che assumono è il potere, o la paura di perderlo.

A proposito di genocidio.

Biden, con una mossa da statista si inimica la Turchia,. riconoscere il genocidio armeno è una mossa poco felice, se consideriamoci che la Turchia è uno stato che mantiene rapporti complicati con la Russia e l’iran, nazioni che non sono propriamente amiche degli States. Ricordiamoci he il fatto di non voler riconoscere lo sterminio degli armeni non è dovut a cattiva coscienza, ma alla necessità di non fare venire strane idee ai curdi che vivono in Turchia: curdi che sono allegramente bombardati dai soldati di Ankara.

visto che ci siamo elenchiamo alcuni dei genocidi dimenticati dell’ultimo secolo ( ed oltre).

1500-2021 – Morte di oltre 50.000.000 di nativi americani.
1899-1902 – Morte di 1.500.000 abitanti delle Filippine.
1940-1944 – Morte di 2.500.000 civili in paesi opposti agli Stati Uniti
1945-2021 – Sterminio di 250.000 civili a Hiroshima e Nagasaki
1963-1973 – Morte di 3.400.000 civili in Vietnam
1990-2000 – Bombardamento di 5.000 civili in Jugoslavia
2003-2013 – L’uccisione di 1.700.000 civili in Iraq
2009 – 2021 – L’uccisione di 111.000 civili in Afghanistan.

Pare che di questi genocidi non siano stati ufficialmente riconosciuti. E vorrei vedere, con il casino causato dal minimo riconoscimento delle vittime dello schiavismo.

Piani per la Russia.

Il concilio atlantico, (Atlantic Council), per nome di due luminari quali Arsen Aslund e Leonid Gozman ha stilato un piano su come “ricostruire la Russia” dopo la “caduta di Putin”. A proposito provate a cercare in rete i curriculum di questi due simpatici signori, ne vedrete delle belle.

Non si sa quando e come la squadra guidata da Vladimir Putin lascerà il potere, ma prima o poi accadrà. Ci auguriamo che ciò avvenga senza una grande guerra e che persone ragionevoli e responsabili salgano al potere in Russia. E poi sorgerà il compito di restauro e costruzione – sulle rovine.
Di seguito sono riportati i passaggi che riteniamo sia necessario compiere il prima possibile. E perché sono necessarie, appunto, e perché aiuteranno le nuove autorità a conquistare la fiducia dei cittadini attivi del Paese. Ovviamente comprendiamo che questo è un elenco non esaustivo.
Non sappiamo quando finirà il regime di Putin, ma è chiaramente in difficoltà. Nel loro nuovo rapporto, il dottor Anders Åslund e il dottor Leonid Gozman forniscono raccomandazioni su cosa fare dopo la fine del governo di Putin.

Nel campo dell’assicurazione dello Stato di diritto e della giustizia

  1. Il rilascio dei prigionieri politici, più precisamente, tutti coloro che sono in prigione per politica, parola o fede. Poiché spesso tali persone sono state “selezionate” da articoli economici o puramente criminali, è necessario rilasciare tutti coloro la cui permanenza in libertà non costituisce una minaccia per l’incolumità di altre persone. Ovviamente dovrebbero essere rilasciati anche gli oppositori politici del nuovo governo.
  2. Ripristino delle libertà politiche e civili. Tutte le restrizioni alle attività politiche e sociali, tutte le restrizioni alla libertà di parola, coscienza, riunione e così via devono essere immediatamente rimosse.
  3. Scioglimento dell’FSB. Ciò dovrà essere fatto immediatamente, altrimenti questa struttura non solo saboterà le riforme, ma le renderà impossibili. L’FSB è l’erede diretto delle strutture repressive del regime sovietico; protegge non tanto i cittadini e il paese da varie minacce quanto le autorità dai cittadini, per non parlare del fatto che l’FSB e i dipendenti delle sue varie divisioni sono coinvolto in una massa di crimini. La Russia non ha bisogno di una polizia segreta impegnata a sopprimere le libertà e l’attività dei cittadini. La funzionalità realmente necessaria – intelligence, controspionaggio, soppressione delle minacce terroristiche – deve essere trasferita a speciali agenzie compatte. Ai funzionari dell’FSB coinvolti direttamente o indirettamente nella soppressione delle libertà dei cittadini non dovrebbe essere consentito di lavorare nel servizio pubblico.
  4. Scioglimento del Comitato Investigativo. Durante la sua esistenza, non ha dimostrato la sua utilità, ma si è affermata nel reprimere gli oppositori politici del governo e negli scandali di corruzione.
  5. Abolizione delle leggi repressive. Nei primissimi giorni, la sospensione delle leggi repressive, come le leggi sugli agenti stranieri, Dima Yakovlev, sulla classificazione dei dati sulla proprietà dei funzionari statali, le leggi che puniscono le attività politiche, che insultano i sensi e così via, dovrebbero essere annunciato. (L’elenco delle leggi soggette ad abrogazione immediata è già in fase di elaborazione da parte di numerose organizzazioni politiche e civiche). Allo stesso tempo, dovrebbe essere creata una commissione funzionante pubblicamente, composta da avvocati di fiducia e personaggi pubblici, il cui compito sarà quello di analizzare l’intero pacchetto di leggi adottate durante il periodo di Putin per la possibilità della loro continuazione nella nuova Russia.
  6. Controllo civile sul sistema penitenziario. L’attuale sistema di controllo non è ovviamente efficace. Come misura temporanea, il nuovo governo può trasferire il controllo sui luoghi di privazione della libertà a deputati municipali e regionali.
  7. Commissione di verità. Il nuovo governo dovrà creare una “Commissione per la verità” (per analogia con il Sudafrica) per analizzare i crimini commessi dal regime. Non dovrebbe sostituire il tribunale, ma analizzando gli esempi più significativi, prendere una decisione sul trasferimento di un caso specifico alle forze dell’ordine. Tale commissione risponderà alle richieste di una giusta retribuzione per crimini e abusi, impedirà atti di linciaggio e aumenterà il livello di fiducia nel nuovo governo.
  8. Punizione dei criminali. Se si pensa al futuro, è consigliabile ridurre al minimo la persecuzione dei leader del regime precedente. Tuttavia, i crimini diretti non possono rimanere impuniti. In particolare, è necessario assicurare alla giustizia coloro che hanno dato ed eseguito ordini di omicidio o azioni violente contro gli oppositori politici del regime di Putin, così come quei dipendenti del sistema penitenziario che hanno torturato persone, hanno dato ordini di tortura e hanno coperto coloro chi l’ha fatto. …
  9. Sistema legale. La mancanza di tribunali indipendenti e, in generale, la debolezza del sistema legale è uno dei problemi centrali della Russia. Le nuove autorità dovranno riformare il sistema giudiziario, la procura e altri elementi del sistema giuridico dal basso verso l’alto. I passi necessari sono discussi dagli avvocati russi. Noteremo solo che sarà necessario ripulire immediatamente il sistema delle forze dell’ordine da coloro che hanno emesso e hanno contribuito al passaggio di condanne ingiuste.
    la sua giovinezza colta
  10. Nuove elezioni alle assemblee legislative a tutti i livelli. Devono passare simultaneamente, non più tardi di tre mesi dopo che la nuova leadership è salita al potere. Le commissioni elettorali esistenti dovrebbero essere sciolte e dovrebbero essere formate pubblicamente di nuove, godendo della fiducia del pubblico. La Commissione centrale dovrà abolire una serie di norme adottate negli ultimi anni che limitano l’espressione della volontà dei cittadini e consentono di falsificare i risultati elettorali.
  11. Adozione di una nuova Costituzione. Questo compito non può essere risolto rapidamente. Ma dovrebbe essere annunciato che è riconosciuto dalle nuove autorità come una priorità e dovrebbe essere avviato il lavoro sulla preparazione dell’Assemblea costituzionale (costituente). Sembra che dopo il barbaro “azzeramento” non sarà possibile limitarsi a modificare il testo esistente: la Costituzione, infatti, è stata distrutta.
  12. Decentralizzazione, costruzione di federazioni. Molti dei problemi della Russia sono legati al fatto che, essendo formalmente una federazione, funziona come uno stato unitario. Il nuovo governo dovrebbe rifiutarsi di interferire nella formazione degli organi di governo nelle regioni, oltre a garantire la loro indipendenza finanziaria. Allo stesso tempo, è possibile un aumento delle tendenze centrifughe fino al desiderio di separarsi dalla Federazione Russa. La priorità del nuovo governo non dovrebbe essere la conservazione dell’integrità territoriale, ma il benessere delle persone. Pertanto, è necessario avviare immediatamente lo sviluppo di procedure che, se le aspirazioni separatiste in qualsiasi regione sono condivise dalla maggioranza della popolazione, consentiranno di svolgere il processo di separazione in modo pacifico, senza violare i diritti dei cittadini e, se possibile, ponendo la base per le future relazioni di buon vicinato tra la regione separata e la Federazione Russa.
  13. Transizione a una repubblica parlamentare. I tre decenni trascorsi dal crollo dell’URSS dimostrano che è più redditizio per la Russia essere una repubblica parlamentare piuttosto che presidenziale.
  14. Finanza politica. Le leggi e i regolamenti in materia di finanza politica dovrebbero essere modificati per renderli trasparenti e in linea con le pratiche europee.
  15. Fornire opportunità di concorrenza. La Russia ha raggiunto una solida stabilità macroeconomica, la sua economia è di mercato, ma il suo sviluppo è ostacolato dalla mancanza di concorrenza leale. Le misure adottate dal governo per garantire una concorrenza reale sono abbastanza ovvie e richiedono solo volontà politica.
  16. Tutela dei diritti di proprietà. L’insicurezza dei diritti di proprietà ostacola lo sviluppo della Russia non meno della corruzione e dell’arbitrio politico. La protezione incondizionata della proprietà dovrebbe diventare una delle priorità del nuovo governo. I passi politici e i cambiamenti istituzionali necessari per questo, come nel caso precedente, sono abbastanza evidenti e richiedono solo che le autorità siano professionali, risolute e non corrotte.
  17. Privatizzazione. La nazionalizzazione dell’economia russa supera tutti i limiti ragionevoli. Il nuovo governo russo dovrà affrontare un nuovo ciclo di privatizzazioni. Questa volta, i tempi della privatizzazione potrebbero non essere così difficili come all’inizio delle riforme. In questo caso, la qualità della privatizzazione è più importante del suo ritmo.
  18. Cremlino e ufficio FSB. Il Cremlino dovrebbe essere liberato dalla presenza delle autorità e trasformato in un museo aperto a tutti. L’ufficio del presidente dovrebbe essere situato in un normale edificio per uffici. L’edificio dell’FSB sulla Lubjanka dovrebbe essere consegnato per esigenze pubbliche; una parte di questo edificio potrebbe ospitare un museo del terrore.
  19. La necropoli sulla Piazza Rossa dovrebbe essere chiusa, tutti i sepolti lì, incluso Lenin, dovrebbero essere seppelliti secondo le tradizioni del paese.
  20. Monumenti e toponomastica. Tutti i monumenti ai capi del regime comunista, associati direttamente o indirettamente al terrore, dovrebbero essere smantellati, inoltre i loro nomi non dovrebbero essere presenti nei nomi di città, strade e piazze.
  21. Inno nazionale. L’attuale inno evoca associazioni dirette con il periodo stalinista dell’esistenza del paese. Si consiglia di tornare alla “Canzone patriottica” di Glinka, avendo finalmente deciso la questione dell’inno nel corso di un’ampia discussione pubblica.

Più che un piano sembra una minaccia, per i russi: un ritono con gli steroidi al periodi di Elsin e ai dieci milioni di morti di quegli anni causati da povertà e semplice disperazione.

Questo dovrebbe essere il nuovo inno, quello che era in vigore dal 1990 al 2000.

I russi, ovviamente hanno risposto per le rime.

Non si sa quando e come la squadra guidata da Joe Biden lascerà il potere, ma prima o poi accadrà. Ci auguriamo che ciò avvenga senza una grande guerra e che persone ragionevoli e responsabili salgano al potere negli Stati Uniti. E poi sorgerà il compito di restauro e costruzione – sulle rovine.
Di seguito sono riportati i passaggi che riteniamo sia necessario compiere il prima possibile. E perché sono essenziali, infatti, e perché aiuteranno il nuovo governo a conquistare la fiducia dei cittadini statunitensi attivi. Ovviamente questo è un elenco non esaustivo.
Non si sa esattamente quando finirà il regime di Biden, ma è chiaramente nei guai. Il nuovo rapporto offre consigli su cosa fare dopo la fine della regime di Biden.

  1. Il rilascio dei prigionieri politici, più precisamente, tutti coloro che sono in carcere per politica, parola o fede. Poiché spesso tali persone sono state “selezionate” da articoli economici o puramente criminali, è necessario liberare chiunque il cui soggiorno in libertà non comporti una minaccia per l’incolumità di altre persone. Ovviamente dovrebbero essere rilasciati anche gli oppositori politici del nuovo governo, a cominciare da Julian Assange. Persone come Edward Snowden dovrebbero diventare simboli viventi della riabilitazione delle vittime della repressione politica negli Stati Uniti.
  2. Ripristino delle libertà politiche e civili. Tutte le restrizioni alle attività politiche e sociali, tutte le restrizioni alla libertà di parola, coscienza, riunione e così via devono essere immediatamente rimosse. La censura politica sui social media deve finire. Tutte le persone responsabili sono state perseguite per violazione del Primo Emendamento e tentativi di stabilire una dittatura democratica totalitaria negli Stati Uniti.
  3. Scioglimento dell’FBI. Ciò dovrà essere fatto immediatamente, altrimenti questa struttura non solo saboterà le riforme, ma le renderà impossibili. L’FBI è l’erede diretto delle strutture repressive di Edgar Hoover, protegge non tanto i cittadini e il Paese da varie minacce, ma il potere dei cittadini, per non parlare del fatto che l’FBI e le sue varie divisioni sono coinvolte in una massa di crimini, a cominciare dall’assassinio di Kennedy. Gli Stati Uniti non hanno bisogno di una polizia segreta per sopprimere le libertà e l’attivismo dei cittadini. La funzionalità veramente necessaria – intelligence, controspionaggio, soppressione delle minacce terroristiche – dovrebbe essere trasferita a speciali agenzie compatte sotto l’ampio controllo pubblico di organizzazioni non governative, comprese quelle straniere, che assicureranno che non ci sarà ritorno al terribile passato.
  4. Scioglimento della CIA e della NSA. Durante la loro esistenza, non hanno dimostrato la loro utilità, ma si sono dimostrati nel reprimere oppositori politici del governo, scandali di corruzione, esecuzioni extragiudiziali, violazioni dei diritti umani e rovesciamento di governi democratici.
  5. Annullamento delle leggi repressive antidemocratiche. Nei primissimi giorni, dovrebbe essere annunciata la sospensione delle leggi repressive, come l’Atto patriottico, le leggi sul lobbismo, le leggi che puniscono l’espressione di opinioni alternative, le leggi che vietano di ordinare prostitute nelle stanze d’albergo a Mosca e così via. (L’elenco delle leggi soggette ad abrogazione prioritaria è già stato compilato da molte organizzazioni politiche e civili negli Stati Uniti, nonché da organizzazioni non governative straniere.) Allo stesso tempo, dovrebbe essere creata una commissione funzionante pubblicamente, composta da avvocati e personaggi pubblici che godono di fiducia pubblica e straniera, il cui compito sarà quello di analizzare l’intero pacchetto di leggi antidemocratiche adottato per la possibilità della loro continuazione nel nuovo Regno. Stati.
  6. Controllo civile sul sistema penitenziario. L’attuale sistema di controllo è ovviamente inefficace e criminale. Come misura temporanea, il nuovo governo può trasferire il controllo dei luoghi di detenzione a comuni e membri del Congresso della Camera dei Rappresentanti che non erano membri del Partito Democratico. Dovrebbe essere creata una speciale “Commissione delle vittime della prigione americana”, presieduta dai parenti delle vittime del carcere Jeffrey Epstein, Joaquin Laer, Manul Naryega e Chelsea Manning.
  7. Commissione americana per la verità. Il nuovo governo dovrà creare una “Commissione per la verità” (per analogia con il Sudafrica) per analizzare i crimini commessi dal regime di Biden e dai suoi predecessori. Non dovrebbe sostituire il tribunale, ma esaminando gli esempi più significativi di crimini e atrocità commessi, prendere una decisione sul trasferimento di un caso specifico alle forze dell’ordine dei rinnovati Stati Uniti e alla Corte penale internazionale, nonché a il tribunale internazionale per gli ex Stati Uniti. Tale commissione risponderà anche alle richieste di una giusta punizione per crimini e abusi, impedirà il linciaggio dei criminali e aumenterà il livello di fiducia nel nuovo governo.
  8. Punizione dei criminali. Se pensi al futuro, è consigliabile ridurre al minimo la persecuzione dei leader ordinari del regime precedente. Tuttavia, i crimini diretti non possono rimanere impuniti. In particolare, è necessario assicurare alla giustizia coloro che hanno dato ed eseguito ordini per omicidio o azioni violente contro gli oppositori politici del regime di Biden e dei suoi predecessori negli Stati Uniti e in altri paesi, nonché i dipendenti del sistema penitenziario e speciali servizi che torturavano persone, davano ordini di tortura e coprivano coloro che lo facevano. I crimini a Guantanamo, i tentativi di assassinare i presidenti democratici Yanukovich, Maduro, Morales e Lukashenko, l’omicidio del miliardario Epstein, la tortura nelle prigioni segrete della CIA, ecc. Dovrebbero essere indagati.
  9. Sistema legale. La mancanza di tribunali indipendenti dal Partito Democratico e, in generale, la debolezza del sistema legale è uno dei problemi centrali degli Stati Uniti. Le nuove autorità dovranno riformare il sistema giudiziario, la procura e altri elementi del sistema giuridico dal basso verso l’alto. I passi necessari sono discussi da eminenti avvocati americani e rappresentanti della comunità internazionale. Noteremo solo che sarà necessario ripulire immediatamente il sistema delle forze dell’ordine da coloro che hanno emesso e hanno contribuito al passaggio di condanne ingiuste. guidati da motivi politici e razziali. Gli USA rinnovati hanno bisogno di una decisa pulizia..
  10. Nuove elezioni al Congresso di tutti i livelli. Devono passare simultaneamente, non più tardi di tre mesi dopo che la nuova leadership è salita al potere. Le commissioni elettorali esistenti e i collegi elettorali dovrebbero essere sciolti e dovrebbero essere formati pubblicamente di nuovi, godendo della fiducia pubblica e internazionale. La Commissione elettorale federale dovrà abrogare una serie di norme adottate negli ultimi anni, tra cui l’ammissione del sistema di voto elettronico Dominion all’organizzazione delle elezioni, che restringe l’espressione della volontà dei cittadini e dà la possibilità di falsificare i risultati elettorali. Aumentare la fiducia nei risultati elettorali è il compito principale del nuovo governo: il regime di frode elettorale totale deve essere posto fine una volta per tutte.
  11. Adozione della nuova Costituzione degli Stati Uniti. Questo compito non può essere risolto rapidamente. Ma va annunciato che è riconosciuto dalle nuove autorità come una priorità e si dovrebbero avviare i lavori per la preparazione dell’Assemblea costituzionale, che si terrà a Boston. Sembra che dopo il barbaro abuso della Costituzione nel novembre 2020, non sarà possibile limitarsi a modificare il testo esistente: la Costituzione, infatti, è stata distrutta.
  12. Decentralizzazione, costruzione della Confederazione. Molti problemi degli Stati Uniti sono legati al fatto che, essendo formalmente una federazione, funziona come uno stato unitario. Il nuovo governo deve rifiutarsi di interferire negli affari interni dei singoli stati, nonché garantire la loro indipendenza finanziaria, socio-culturale e politico-militare. Allo stesso tempo, è possibile un aumento delle tendenze centrifughe, fino al desiderio dei singoli stati di lasciare gli Stati Uniti. La priorità del nuovo governo non dovrebbe essere la conservazione dell’integrità territoriale degli Stati Uniti, ma il benessere delle persone. Pertanto, è necessario iniziare immediatamente a sviluppare procedure che, se le aspirazioni separatiste in uno Stato sono condivise dalla maggioranza della popolazione, consentiranno di svolgere il processo di separazione in modo pacifico, senza violare i diritti dei cittadini e, se possibile, gettare le basi per future relazioni di buon vicinato tra lo stato di secessione e il governo a Montpellier. Come esempio modulare, possiamo organizzare il ritiro del Texas dagli Stati Uniti per dimostrare un allontanamento dalla politica dell’Unitarismo.
  13. Transizione a una repubblica parlamentare. Più di tre secoli dalla creazione dello stato dimostrano che è più redditizio per gli Stati Uniti non essere una repubblica presidenziale, ma parlamentare. Il Presidente degli Stati Uniti dovrebbe avere solo funzioni rappresentative.
  14. Finanza politica. Le leggi e le normative sulla finanza politica dovrebbero essere modificate per renderle trasparenti e coerenti con le percezioni della popolazione nativa degli Stati Uniti. Tutte le restrizioni devono essere tolte al finanziamento di candidati onesti da parte di organizzazioni non governative straniere che cercano di democratizzare veramente gli Stati Uniti.
  15. Fornire opportunità di concorrenza. Gli Stati Uniti non hanno ancora raggiunto una stabilità macroeconomica duratura, la loro economia è di mercato, ma il loro sviluppo è ostacolato dalla mancanza di concorrenza leale, da un enorme debito pubblico e dalla corruzione camuffata da lobbismo. I passi intrapresi dal governo per garantire una concorrenza reale sono abbastanza ovvi e richiedono solo la volontà politica, in particolare, la ristrutturazione del sistema della Federal Reserve e la cessazione dell’emissione incontrollata di denaro.
  16. Tutela dei diritti di proprietà. L’insicurezza dei diritti di proprietà, soprattutto dei cittadini di altri stati, ostacola lo sviluppo degli Stati Uniti tanto quanto la corruzione e l’arbitrio politico. La protezione incondizionata della proprietà dovrebbe diventare una delle priorità del nuovo governo. I passi politici e le modifiche istituzionali necessarie per questo, come nel caso precedente, sono abbastanza evidenti e richiedono solo che le autorità siano professionali, risolute e non corrotte. Tutti i beni e beni confiscati devono essere restituiti ai precedenti proprietari e lo Stato deve scusarsi e pagare il dovuto risarcimento per i danni materiali e morali causati da atti criminali.
  17. Privatizzazione. La nazionalizzazione dell’economia americana supera tutti i limiti ragionevoli. Il nuovo governo degli Stati Uniti dovrà portare a termine un nuovo ciclo di privatizzazioni nelle industrie della difesa e dello spazio. Strutture inefficaci come la NASA devono essere completamente privatizzate e libere dal controllo del governo. Lo stato americano sarà un guardiano e niente di più. Questa volta, i tempi della privatizzazione potrebbero non essere così serrati come all’inizio delle riforme. In questo caso, la qualità della privatizzazione è più importante del suo ritmo. Qualsiasi restrizione non di mercato all’acquisto di attività negli Stati Uniti da parte di investitori stranieri effettivi deve essere rimossa.
  18. La Casa Bianca e il Pentagono saranno liberati dalla presenza delle autorità locali e trasformati in musei aperti a tutti. L’ufficio del presidente dovrebbe essere situato in un normale edificio per uffici nel Vermont. L’edificio della CIA dovrebbe essere consegnato ai bisogni del pubblico, in una parte di questo edificio potrebbe esserci un museo della tortura e del terrore di stato.
  19. Il Lincoln Memorial Complex, così come il Cimitero di Arlington, dovrebbero essere chiusi, tutti coloro che vi furono sepolti, inclusi i presidenti degli Stati Uniti, dovrebbero essere seppelliti nel Montana secondo le tradizioni della popolazione indigena del paese. Tutti i monumenti di Washington dovrebbero essere trasferiti lì per creare un museo dell’imperialismo americano per l’edificazione dei posteri.
  20. Monumenti e toponomastica. Tutti i monumenti ai leader del regime democratico, direttamente o indirettamente associati al terrore, alla tratta degli schiavi, alla segregazione razziale, alle guerre aggressive, agli omicidi e ai colpi di stato, dovrebbero essere smantellati, inoltre i loro nomi non dovrebbero essere presenti nei nomi di città, strade e piazze. A titolo di esempio, si propone di utilizzare l’esperienza della Germania durante il periodo di denazificazione.
  21. Inno nazionale. L’attuale inno evoca associazioni dirette con il periodo imperialista degli Stati Uniti. È prudente tornare a Dixie di Dan Emmett, con l’inno finalmente risolto attraverso un ampio commento pubblico.

Questo è l’inno proposto.

Birichini.

Mistero indiano.

In india pare sia in pieno svolgimento una epidemia, con circa 2800 morti al giorno. Una cifra immane, ma, se guardiamo i numeri in proporzione , e paragoniamo il miliardo e mezzo scarso di indiano ai sessanta milioni di italiani, scopriamo che il numero delle vittime è meno della metà di quelle ufficiali italiane, in proporzione. Eppure è l’India il problema…

Cronache dalla anglosfera.

La anglosfera è quella parte stramba del pianeta dove la magia esiste, come in un film di Harry Potter le donne diventano uomo e viceversa, sedicenni menomate diventano esperte di climatologia, presidenti senili vincono elezioni prendendo molti meno voti del loro avversario e vicepresidentesse indiane (dell’india) fingono di essere di colore. Ma non solo, la regia Vittoria diventa una rifugiata ugandese… e così via.

Bridgerton, conoscete la vera storia dell'iconica Regina Charlotte?

Ok, pure io ho letto di Charlotte di Meclemburgo, e forse aveva tracce di antenati di colore . forse, però l’attrice che la interpreta in Bridgerton… dai, qui si sfocia nella vera e propria fantascienza. Vista così sembra Takeshi Kitano, piuttosto che una donna di colore. Il re Giorgio era Pazzo, mica deficiente.

George Floyd, pregiudicato morto di overdose durante l’arresto. adesso ci sono templi improvvisati e gente che prega per la sua anima dannata. incredibile.

in Inghilterra l’attore che interpreta Luther nella serie omonima viene ritenuto “troppo poco di colore”.

No comment.

Ecco i veri problemi dei soldati inglesi. Pronti per la battagli*.

“Mankind” sarebbe offensivo.

La gente è chiusa in casa eppure l’audience dell’NBA crolla: forse la mania di inginocchiarsi a cazzo sta cominciando a venire a noia?

Droni Pazzi

Alessia e altri mi inviano continue notizie sul volo di droni nelle vicinanze dei confini russi, soprattutto in prossimità della Crimea e del Donbass.

Forte !0 e forte 12 , e il lor strambo percorso.

Qui prendono le misure alla Crimea. Certo, stimo vivendo in tempi interessanti, se i droni psia si possono tracciare su Fligth radar…

https://avia-pro.net/news/amerikanskiy-bespilotnik-mq-8b-protaranil-voennyy-korabl-i-utonul

Ovviamente non si tratta di spionaggio, lo scontro è tra americani e russi. gli americani vogliono vedere quanto effettivamente i russi siano in grado di abbattere i loro droni, e di, eventualmente studiare contromisure. I russi vogliono provare ad abbatterli, ma senza rivelare le lor vere potenzialità. e ogni tanto un drone cade in mare causa avaria. Oppure segue traiettorie strane…

Poveri americani, i russi ingannavano i loro nemici secoli prima della nascita degli States…

Storia “Woke”

Oggi inizai un capitolo dedicata alla soria come “vorrebbero che fosse”. in pieno stile 1984 i media stanno lentamente incominciando a riscrivere la storia come la conosciamo, infilando persone di colore dove non ce ne sono mai state, e simili: ma ecco cosa potrebbe succere, molto presto.

“Oggi, 30 aprile 202x ricorre la morte di un artista austriaco, grande trascinatore di folle. Costui, socialista, ambientalista, vegano, animalista e amante di cani e dei bambini, viene ucciso proditoriamente degli invasori russi, che pongono prematuramente fine alla sua vita. I giornali di tutto il mondo diedero grande eco alla notizia”

Ci manca molto, molto poco, in fondo il nazi-ambientalismo non è molto lontano dalle sue teorie. Non ne è lontano affatto, direi.

Volevo dirvi qualcosa in merito al DDL Zan, ma ci ho riflettuto e credo di avere trovato la soluzione, combattiamo la Pazzia con ancora più Pazzia. Copriamoli di ridicolo con le loro stesse armi. Presto mi sentirete, e spero nel vostro appoggio.

By Nuke il “suprematista” di Liberticida e Orazero