Armenia: scontro di oligarchi.

Gli oligarchi, nati nei paesi ex sovietici sono un tipo di persone affatto particolare.

Persone normali che si sono trovate nell’occhio del ciclone della caduta del potere sovietico, e , grazie a spregiudicatezza e fortuna, sono diventati ricchissime.

Una fortuna creata grazie a metodi diversi da quelli di un Zukemberg qualunque. Soldi creati con corruzione, omicidi e rapporti con i politici.

La Russia in un certo qual modo è riuscita a venire a patti con costoro, e a trasformarli da dominus in una delle parti interessate alla spartizione del potere. Da padroni del vapore ad una della fazioni in campo. E se ci si ricorda del caos eltsiniano non è certo poco.

In Armenia questo non è successo.

Serž Sargsyan, il primo ministro che si è dimesso il 23 aprile scorso era in carica da pochi giorni, ma anche prima ha ricoperto un elevato numero di cariche, da capo del soviet supremo dell’Armenia ai tempi del comunismo, fino alla carica di capo dei servizi , presidente e primo ministro. Un lungo lavoro in parlamento lo aveva portato a far promulgare una serie di leggi che forniva ampi poteri al primo ministro e questo mese il suo sogno sembrava in procinto di coronarsi, ma…

Nikol Pashinian è l’attuale suo oppositore. Giornalista, editore dell’Armenian Times (1), giornale liberale di opposizione ha una lunga storia di attivismo politico, e venne anche arrestato dopo le penultime elezioni presidenziali, per l suo supporto all’ex presidente uscente, Levon Ter-Petrosyan. Se analizziamo le vicissitudini politiche armene degli ultimi decenni traspare che l’uso delle manifestazioni di piazza e della repressione a fini politici è abbastanza normale.

Samvel Karapetyan, uomo di affari armeno, anzi, il più ricco armeno del mondo, secondo le statistiche è il terzo incomodo, grazie al sodalizio con Sargyzan, l’ex presidente, si è arrichito e ha creato un vero e proprio impero di aziende.

Gagik Tsarukyan, altro oligarca e politico armeno, ex campione mondiale ed europeo di braccio di ferro è il quarto incomodo della partita.

La storia è presto detta, l’ex presidente Sargsyan, spalleggiato dall’oligarca Karapetyan aveva stretto un bel sodalizio. Da una parte il miliardario finanzia il politico e lo appoggiava con i voti procurati dai dipendenti delle sue innumerevoli aziende e dall’altra il presidente lo favoriva in appalti e leggi ad hoc.

Dall’altra Pashinian cercava di aprirsi una strada tutta sua, spalleggiato da Sargyzian, politico di peso ed imprenditore concorrente dell’altro miliardario.

Dopo la l’elezione come primo ministro ed i nuovi superpoteri politici acquisiti, sembrava tutto a posto, ma uno “spontaneo ” movimento di massa occupa strade e piazze, e nulla sembra fermarlo. CI sono di mezzo anche gli spin doctor occidentali, ovvio, ma la base del movimento di opposizione è la coppia sodale Pashinian-Tsarukyam, finanziata dai soldi di quest’ultimo.

Notate come il look di Pashinian è stato trasformato dai consiglieri occidentali, barba, taglio militare e una benda qua e là lo hanno trasformato in una sorta di icona rivoluzionaria. Pure la canotta mimetica è un tocco da maestro.

Dopo le dimissioni del primo ministro il parlamento secondo la legge dovrebbe eleggerne uno nuovo, ma Pashinian fa la sua mossa: pretende che il nuovo premier venga eletto dalla folla per acclamazione ( ovvero lui stesso) e, formato un nuovo governo, si proceda alle elezioni.

Elezioni “libere e democratiche”, ovvio. In questi momenti il buon Karatapeyan è all’opera, mediando tra i vertici politici del paese per lasciare intatto il suo impero e contattando i russi per usarli come grimaldello, se si bloccasse la trattativa.

Russi, ecco, Mosca ha da dire la sua, nella faccenda, da una parte si trova in una posizione scomoda, dato che deve sostenere comunque il vicino Azerbaijan, e c’è il problema del Nagorno-Karabak.

La regione montagnosa contesa da Armenia a dagli Azeri, appunto. Mosca da una parte ha ottimi rapporti storici con gli armeni, derivanti dal salvataggio del popolo armeno voluto dai sovietici, durante il genocidio turco. Dall’altra Mosca sta facendo grandi business petroliferi con gli azeri, e si sta assicurando il controllo delle risorse locali, impedendo la realizzazione di gasdotti e oleodotti non voluti da Mosca.

Gli armeni accusano Mosca di essere troppo accomodante nei confronti degli azeri, che sono molto più forti militarmente ( e hanno molti più soldi per comprare armi russe) e dall’altra occorre evitare una deriva politica armena troppo favorevole agli americani, che non vedrebbero l’ora di piazzare basi militari in zona.

Osserviamo da una parte la solita cautela russa, dovuta al fatto che non si devono urtare le delicate suscettibilità delle piccole repubbliche della zona, dai georgiani da tranquillizzare, gli Osseti  da garantire, i daghestani da bastonare per il suo supporto ai terroristi, i ceceni con Kadyrov, azeri ed armeni, appunto.

Dall’altra gli americani che giocherellano con forze che non sono in grado di capire, e che comunque il caos va bene, just in case.

E gli armeni che manifestano per migliorare le loro condizioni di vita? Beh, di loro non è mai fregato un cazzo a nessuno, a parte loro stessi.

By Nuke di www.liberticida.altervista.org e www.orazero.org.

(1) http://www.armtimes.com/hy

 

Precedente Pianeta Dei Pazzi: Repubblica, Testimoni di Geova, Loki, varie ed eventuali Successivo Pianeta Dei Pazzi: Pirla, Provette, Puttanazze e Phatos