Crea sito

Pianeta Dei Pazzi: assorbenti, Inps, varie ed eventuali

abuso (s.m.) – Si parla di abuso di potere quando l’autorità viene esercitata in modo a noi sgradito

Ciao Ragazzi, mi piace consigliarvi dei libri, dato che le Lame dei Giardinieri si affilano non solo con la cote ma anche con la cultura.

La citazione è tratta da “il dizionario del diavolo” di A. Bierce. Grande lettura e grande scrittore. Nelle chat inesistenti on line probabilmente qualcuno ne troverà una copia. Incredibile, vero?

Scegliamo accuratamente la musica per oggi, visto che mi piace ripetermi vi consiglio un gruppo metal russo, oggi, Una delle prime opere del gruppo Orgjia Pravednikov (l’Orgia dei Giusti), cantata da Sergej Kalugin, la versione del 2018. Nel video sono alcuni frammenti del film:”la leggenda di Kovrolat”.

Tutolo del brano: Последний воин мёртвой земли

Traduzione: L’ultimo guerriero della terra morta.
Testo:

I battiti del mio cuore

mi dicono che sono ancora vivo

attraverso le palpebre bruciate

vedo l’arrivo dell’alba

apro gli occhi – si trova davanti a me

il Grande Terrore che non ha un nome.

Sono venuti come una valanga,

come un fiume nero impetuoso

ci hanno semplicemente spazzato via e riempiti di fango.

Hanno piantato nella sabbia tutti i nostri stendardi e gagliardetti

hanno demolito tutto, ci hanno uccisi tutti…

E si può tranquillamente strisciare lungo la stoppia bruciata,

e sulla riva rubare una barca e cercare di scappare.

E essere gli unici sopravvissuti di questa guerra,

ma io gli sputo in faccia e mi dico : “Alzati!”.

I battiti del mio cuore

mi dicono che sono ancora vivo

attraverso le palpebre bruciate

vedo l’arrivo dell’alba

apro gli occhi – si trova davanti a me

il Grande Terrore che non ha un nome.

Vedo l’ombra, vedo le ceneri e il granito morto,

vedo che qui non c’è più nulla da proteggere.

Ma ancora un volta sollevo il mio scudo scheggiato

ed estraggo dalla guaina la mia spada insensata.

L’ultimo guerriero di una terra morta…

So quello che oggi non morirà con me.

Non c’è nessuna possibilità di sconfiggerli.

Ma non hanno il diritto di vedere il sorgere del sole

Non hanno nemmeno il diritto di essere vivi.

E suonerò il mio corno di guerra rotto.

Solleverò il mio esercito per un ultimo assalto.

E griderò “All’attacco!”, e griderò “Seguitemi!”.

Se nessuno è rimasto vivo, allora saranno i morti ad alzarsi!

Consiglio il film, anche, purtroppo la storia finisce male, come tutte le storie russe, il titolo italiano è, ovviamente “Furious – gli ultimi guerrieri“. Tipica traduzione a pene di canide.

Essi respirano

L’eroe di oggi è Tridico , il presidente, suo malgrado dell’INPS: come il tizio chiamato prima Mister Mascherina e adesso “banchi a rotelle”, il poverello dispone di una sterminata preparazione economica, laurea Alla Sapienza, dottorato e due master, di cui uno a Brighton. Come Mister mascherina, che, laureatosi alla Luiss e manager della Deloitte (sticazzi), che non sapeva che imporre i prezzi per legge genera disastri, il nostro nuovo Eroe parla in televisione di “partite IVE” e pronuncia la parola inglese data “deta“.

Svarioni incomprensibili per personaggi di tale statura, che fanno pensare ad una precisa strategia: voglio dire uno che ha vissuto per anni a Brighton non pronuncerebbe mai “deta”. Potrebbe essere lo stress, ma io immagino un volersi ridurre al minimo comune denominatore: ovvero vogliono dimostrare ai loro padroni che sono mezzo scemi, ovvero affidabili e capaci di ricoprire posizioni di alto livello. A questo siamo ridotti.

LINES e maschi con le mestruazioni.

Questa cosa merita un trattamento particolare. Il succo della questione è che, secondo i Picoretti e la Comunistaglia varia, l’identità di genere e il genere stesso corrispondano.

cerchiamo di definire il genere maschile e quello femminile. Il genere maschile è quello che ha l’uccello e il genere femminile è quello con la vagina e le mestruazioni. Vale per gli esseri umani , per i primati, e per i mammiferi in generale. Fin qui non ci sono dubbi.

Secondo la merdaglia se un maschio si “sente” donna allora è una donna. Ma attenzione, se la nuova esponente del sesso femminile si sentisse Cleopatra e un comodino allora dovrebbe (per il momento, credo) essere “curata” per le sue convinzioni. Già mi vedo il medico che cerca di spiegargli:” ma no, cara , certo che sei una donna anche se hai l’uccello, ma non sei un comodino nè la reincarnazione di Cleopatra: certo potresti essere un comodino maschio transgender che pensa di essere la reincarnazione di Cleopatra, ma al momento questo non è possibile.” credo che il trattamento sarebbe complicato e lo stato mentale del paziente rimarrebbe precario.

“Hanna , famosa rugbista transgender, riesce a trascinare anche tre atlete del suo stesso sesso femminile…”

Adesso però spieghiamo che noi non siamo affatto contro l’omosessualità in quanto tale e il volersi vestire da donna pur essendo un rugbista di 150 kg. Queste sono scelte personali, anche non condivisibili, se vogliamo, ma nessuno pensa di impedirlo. Sono affari privati, persino. Ma ecco il problema, noi non possiamo negare la realtà, Quello che vogliamo è che lui ammetta con te stesso di essere un uomo che si vuole vestire da donna o viceversa. Ne più e ne meno. E il fatto che le persone che si travestono soffrano parecchio non è solo per via della disapprovazione sociale e delle prese in giro, è legato al fatto che inconsciamente sanno che c’è qualche cosa che non va in loro. Assecondare le loro manie può essere solo pericoloso e nocivo. Se servisse aiuto psichiatrico ecco, che gli sia dato, e che si cerchi di lasciarli stare, per quanto possibile. E’ così terribile e fasciata il nostro pensiero? Il re non solo è nudo , ma porta i tacchi a spillo ed è convinto di essere la regina. E’ possibile cambiare la realtà per decreto legge? Questa è veramente la questione fondamentale, un abuso così incredibile e palese da gridare vendetta. E’ anche possibile che un uomo che si senta donna lo diventi per legge e vada pure in pensione prima. Questa è una cosa che non sono grida vendetta ma è interessante… Cinque anni prima di pensione fanno comodo: anzi, credo di avere pure diversi anni in più, dove posso variare anche la mia data anagrafica?

I butacchini si stanno rivelando.

Essere Butacchino è una cosa riprovevole e disgustosa, prezzolati Raddrizzaquadri che si affannano a coprire le malefatte dei politici, soprattutto ( anzi direi solamente) quelle dei politici di sinistra, e dei bacianegri.

Ma guarda un po Maicol come si affanna difendere i pedofili. Che l’agenda abbia avuto improvvisamente una accelerazione? Una persona da elevare al di sopra degli altri, senza alcun dubbio. Già me li vedo , tra qualche tempo: “in fondo la bambina prova sincero affetto, quindi.. che c’è di male” La finestra di Overton, ricordate.

La Gabanelli e i “servizi gratuiti”

blob:https://video.corriere.it/085b7460-57a9-4b90-8acb-7aa2bebfdb81

Ho sempre sospettato che dentro la Gabanelli, ottima giornalista, battesse forte un cuore comunista. Il sospetto mi è venuto dai suoi articoli sull’evasione. Secondo costei, e non solo occorre aumentare il gettito fiscale di cento miliardi , per dare più “servizi gratuiti ai cittadini”. Che sia chiaro, i servizi gratuiti non esistono. Sono soldi estorti, spesso a forza ad altri cittadini. La dittatura della maggioranza a favore della minoranza che produce per davvero. Pensionati e statali che si sono trovati a lavorare da casa, ovvero a prendere lo stipendio senza fare un cazzo, sono gli alfieri del governo Conte: lo difenderanno fino alla morte.

Vedi il Mali e poi muori.

Il mondo è grande e paesi che potrebbero essere nominati come “lo sfintere del pianeta” sono tanti. Uno di questi è il Mali, paese così meraviglioso che il potere viene rivendicato a suon di bombe sia dal governo in carica che dai musulmani fanatici. Un paese appena sopra l’altro meraviglioso posto , la repubblica democratica del Congo, dove a contendersi le rovine sono sia i soldati che gruppi di briganti, i soliti musulmani, gli animisti cannibali, i comunisti e altri gruppi di difficile definizione.

La situazione del Mali è un filino migliore, malgrado sia in piena guerra civile. Il solito colpo di stato mandato avanti dai militari con una inedita partecipazione popolare. Il guaio è che nel paese sono presenti migliaia di soldati francesi, che, in teoria dovrebbero portare avanti una lotta contro i fanatici musulmani. In realtà i francesi negli anni hanno ottenuto così pochi risultati che il popolo maliano si è stufato, e, forti del consenso popolare alcuni militari hanno pensato di prendere il potere per rovesciare il governo filo-francese; che ci siano in ballo miniere di uranio e giacimenti di petrolio credo sia irrilevante, O forse no. Rimane da capire che cazzo fanno in loco migliaia di militari francesi , oltre a sorvegliare giacimenti di uranio. Credo perlopiù spendano soldi pubblici, e giustifichino così la propria esistenza, secondo una collaudata tradizione occidentale. la vera novità è l’intervento turco in zona: ormai il disimpegno dell’impero americano nel mondo sta diventando palese e nuove nazioni emergenti cercano di ritagliarsi un posto al sole. Non che vogliano ottenere gran che, distruggere è più facile che costruire. basta dare qualche soldo e qualche regalie e sperare di ottenere qualcosa dopo il cambio di regime.

I soliti “giornalisti” di repubblica hanno capito tutto, sono stati i russi… Bozhe moi. I Russi.

A proposito, qualcuno dica a Vincenzo Nigro, l’autore che ha tirato fuori un video dell’anno scorso. che, tra tutti i giornalisti del pianeta solo lui ha tirato fuori questa ipotesi in questi giorni. e lo scoop ha attenzionato i servizi russi. Fossi in lui … beh, lo sapete.

Bevi vodka il te e poi muori (forse)

Il solito dissidente russo quello che ha preso lo zero virgola qualcosa alle scorse elezioni, e che quindi deve governare, secondo la vulgata occidentale si sente male dopo aver bevuto un bicchiere di te, come affermato dai suoi assistenti.

E qui si fa avanti un personaggio interessante, molto vicino a Putin, l’oligarca Yevgeny Viktorovich Prigozhin.

Russian trolls: Yevgeniy Prigozhin, 'Putin's chef' accused of ...

Uomo che ha numerose attività, ma che merita attenzione, secondo costui : “ Navalnij non aveva bisogno di assumere vodka e barbiturici insieme, se avesse accettato il milione che gli avevo offerto (non si sa se dollari o rubli) adesso starebbe bene“. Io la trovo una opinione attendibile, dato che se i servizi russi avessero voluto avvelenarlo adesso sarebbe morto, e durante l’autopsia non sarebbe stato possibile rilevare tracce di veleno. Solo gli idioti credono ai veleni russi mortali che non uccidono. A proposito , il simpatico Ygenev possiede miniere di diamanti in Mali e pare sia molto legato a Wagner, un esercito di mercenari con sede a Mosca: Ma credo sia una coincidenza.

C’è del marcio in Bielorussia

Avrete notato un certo odore di rivoluzione , in Bielorussia. Innanzi tutto parliamo di un paese che è molto vicino a Mosca, ma che ha due caratteristiche particolari.

  1. è un paese governato da un padre padrone assolutamente capace, il Lukashenko di cui tutti parlano. grande organizzatore, oratore migliore di Putin (Putin è come una sega che taglia il ferro e distrugge l’avversario a lunga distanza, Luka è come una valanga che travolge tutto) ma persona incapace di servirsi delle nuove tecnologie.
  2. il paese, come molti non sanno è un paese comunista, anzi socialista se vogliamo, con il sistema produttivo in mano allo stato , che organizza tutt o e distribuisce i posti di lavoro.

Queste due caratteristiche rendono la Bielorussia un vicino scomodo per l’europa e la Russia stessa, che è tutto tranne che un paese comunista, ormai.Sia le nazioni europee che i russi vogliono mettere le mani sulle risorse e la capacità produttiva del paese, ma per motivi opposti.

Dato che in Bielorussia tutti hanno un lavoro e un posto in cui vivere e nessuno muore di fame o rovista nei cassonetti, le ragioni dei giovani che compongono l’ossatura della protesta sono peculiari: manifestano per chiedere il diritto di licenziare i dipendenti e privatizzare le aziende pubbliche. Vista da fuori è abbastanza incomprensibile come protesta, ma il fatto è che alcuni giovani si sono rotti il cazzo di vedere tutti i giorni il “padre padrone” in televisione. E i risultati della votazione, anche se non così eccezionali come dichiara il governo sono comunque a favore del “padre padrone”, dato che nessun bielorusso sopra i quaranta anni si sognerebbe di votare per un altro. Non lo concepiscono proprio. Uno scontro generazionale piuttosto che una rivoluzione.

Il guaio è che l’entourage del capo in testa era vecchio, e del tutto incapace di utilizzare i media moderni come si deve. e questo ha dato all’inizio voce ai manifestanti.

Negli ultimi giorni è successa un magia, la fatina dei dentini ha mandato uomini e mezzi, e all’improvviso tutta internet in Bielorussia si è schierata a favore del governo, video sono apparsi sui media dappertutto, che accusano i servizi segreti stranieri di fomentare le proteste, e le birichinate delle ambasciate estoni e lituane sono saltate fuori. I birichini ricevevano via bluetooth i video dei manifestanti e li trasmettevano via satellite all’estero.

La stessa fatina dei dentini ha scansionato mail e account on line e i nomi dei capi dei manifestanti sono stati inviati alle autorità bielorusse. Domani , il giorno venerdì 22 molti di questi capi sono stati convocati dalla magistratura per essere interrogati. E in due giorni le telefonate tra europa e Mosca , che faceva da intermediario con Minsk si sono moltiplicate. Putin ha detto chiaramente ai tedeschi di farsi i cazzi loro e ai polacchi ha consigliato di cambiato strada: risultato ieri il ministro degli esteri polacco si è dimesso, dopo aver offerto ai manifestanti sostegno economico Polacco -americano. Certo che in due giorni sta cazzo di fatina dei dentini si è dato un sacco da fare, e potrebbe aver rovesciato la situazione, dato che , sempre grazie ad essa le manifestazioni a favore del vecchio padre padrone si moltiplicano. Ma la partita è ancora aperta.

Mi sarebbe piaciuto sapere come il governo giallo verde italiano si sarebbe comportato in una evenienza del genere.

By Nuke il (quasi) misericordioso di  Liberticida Orazero