Il futuro dell’Europa: un concerto rigorosamente a due

1) Leggendo la stampa straniera Macron e Merkel vorrebbero sempre più svincolarsi dagli Usa. Guardano alla Russia, ai contratti persi, a mercati persi, al GAS (questo ha sempre un peso più importante). I segnali francesi e tedeschi di essere in fase di rottura parziale,sono noti da diversi mesi.

2) L’Italia è piena in traiettoria di collisione con Bruxelles: benissimo allora si aprono le danze.

In estrema sintesi manca una Nazione di estrema fiducia filo-americana: l’Italia è il candidato ideale (la Lega chiuderà un occhio).

Se Francia e Germania tornano a legarsi alla Russia in modo commerciale e desiderano rimanere vincolate a Bruxelles, è altrettanto ovvio che agli Usa non interesserà nulla se l’Italia va allo scontro diretto per imporre minacce di un certo livello a Bruxelles, anzi faranno di tutto per promuovere questo scontro.

Gli Usa troverebbero una Nazione partner/amica/fedelissima degli americani: si aprono nuovi mercati, si stringono nuovi patti e alleanze, si chiude un occhio sul debito.

Ovviamente si verrebbe a creare una Europa instabile, ma una Europa instabile appaga gli appetiti di Usa e Russia, accontenta il nuovo mondo multipolare. UK rimarrà sempre legata agli Usa, ma ha una propria identità/forza e in Europa ha voglia di tornare a fare il battitore libero.

La situazione che si verrebbe a creare sarebbe complessa, ma anche molto funzionale per una nuova strategia geopolitica: il vento sta cambiando e in molti lo hanno notato.

Gli USA dicono: parlate con la Russia ma le sanzioni restano. Io in geopolitica lo chiamo perdere un pezzo della partita. La Nato in Europa inizia ad accusare qualche colpo, qualche mese fa Tump ha tagliato i fondi americani per la Nato e ha obbligato le Nazioni Europee a portare gli investimenti per la difesa al 2% del PIL.

Gli americani non sono abituati a pagare per servizi che pretendono gratis, e la sudditanza politica è fra questi. Berlusconi e Renzi furono vassalli fedeli. Ma col M5S e Lega il gioco sembra non funzionare più: loro vogliono i bonifici e non le pacche sulla spalla, vedremo se sapranno ottenerli.

La cosa più preziosa che ha l’Italia da vendere sono i suoi 7600 km di coste, perfetti per il controllo del Mediterraneo e dello spazio aereo balcanico e mediorientale. L’Italia entrò in crisi col crollo del muro e cela un sogno inconfessabile: vedere nascere un altro muro sarebbe proprio quello che fa al caso nostro “all’alba della 3° Repubblica delle Banane”. Insomma tutti pensano ai soliti gioielli italiani, ma il settore coste per la difesa militare è un mercato molto ambito.

In Germania tira un’aria pesantissima: ci sono forti virate nella politica domestica e domina un forte sentimento anti-americano, Manlio Dinucci (http://www.voltairenet.org/article201318.html e http://serenoregis.org/2018/04/24/settantanni-di-sudditanza-a-usa-e-nato-manlio-dinucci/) fa notare che Steve Bannon (ex stratega di Trump) palesa il sostegno all’alleanza Lega-M5S: quindi sostiene la italica volontà di controllare le regole che provengono da Bruxelles, ma esterna che la stessa Italia non ha detto basta alle regole che provengono da Washington.

Lo strumento di pressione più pesante imposto dagli USA è la Nato: pilastro della presenza americana sul continente europeo. Nel Trattato di Maastricht l’articolo 42 afferma che ” L’Unione rispetta gli obblighi di alcuni Stati membri i quali ritengono che la loro difesa comune si è realizzato dall’intermediario della Nato.” e il protocollo n° 10 sulla cooperazione afferma che la Nato “resta il fondamento della difesa” dell’Unione europea. Con la NATO Washington sta spingendo l’Europa verso una guerra fredda contro la Russia.

Ritengo che questo sia un errore clamoroso, perché il vero nemico americano non è la Russia ma è la Cina, questo sistema sta pure spingendo la Russia ad una santa alleanza con la Cina. Ovvero i furbi americani NON hanno pensato che poi combattere il polo sino-russo sarà difficile se non impossibile. Una strategia che nel lungo periodo potrebbe rivelarsi un boomerang.

Nel frattempo in Russia i media pubblicizzano i rinnovati patti con Francia e Germania: anche loro hanno capito che le due nazioni “piene di risentimento anti-americano” desiderano svincolarsi da un patto che le sta SOLO penalizzando pesantemente.

Da https://www.fort-russ.com/2018/06/macron-and-merkel-offer-conflicting-views-on-plans-to-reform-eu/ si apprende che Merkel e Macron stanno elaborando, rigorosamente tra loro, i piani di riforma dell’Unione Europea. Tuttavia vi sono punti di contatto ma anche divergenze: vorrebbero accordarsi per la creazione di un Esercito Europeo, e per dare un giro di vite sull’immigrazione. L’asse franco tedesco proporrebbe due versioni di una UE riformata e forse ridotta e verranno discussi al prossimo vertice UE di fine giugno.

Il Duo franco-tedesco vuole riaffermare i controlli alle frontiere e la cooperazione nelle politiche migratorie. Lavorare maggiormente sui migranti perché come è noto è difficile con i migranti stabilire il paese di origine da cui provengono.

Si continua a dare asilo, ma in contemporanea si affermare una lotta contro la migrazione illegale. Un altro punto di notevole importanza riguarda i commissari europei, Macron vuole dimezzare il numero attuale mentre Merkel si riferisce vagamente a “meno di prima”.

Vorrebbero addirittura dare vita ad un “Fondo Monetario Europeo”, sebbene non sia ancora chiaro quali sarebbero i suoi poteri e chi ci metterebbe i fondi. Progetto molto ambizioso e difficile che, se andasse in porto, avrebbe conseguenze dirompenti sulla gestione economica della UE.

Nel frattempo i due si curano di creare un esercito Europeo, ma sono in conflitto: Macron desidera una forza militare europea impegnata in azioni aggressive all’estero, Merkel tentenna e suggerisce un più pratica difesa del continente Europeo. Sempre in questo contesto Merkel sogna per la Germania un posto permanente nell’Unione Europea nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU (infatti la Germania non è un membro permanente del Consiglio di Sicurezza), mentre Macron (la Francia detiene questo potere) si oppone.

Naturalmente i due Paesi che si sentono egemoni in Europa, stanno elaborando le loro strategie da offrire agli altri stati del Continente come fatto compiuto, con buona pace della collegialità delle decisioni nell’Unione.

di ALESSIA C. F. (ALKA) http://liberticida.altervista.org/

Precedente Speciale Penisola Dei Pazzi: Il giorno della Rosika Successivo Turchia: oltre le elezioni anticipate